Questo sito impiega Cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione oltre il seguente banner viene espresso il consenso al loro impiego.
Per ulteriori informazioni a riguardo e per negare il consenso all'utilizzo dei Cookie è possibile prendere visione della nostra Cookie Policy cliccando sul pulsante "Cookie policy".

logo obedience

  • Parallax

    obedience fotosfondo

Campionato del mondo 2015: un commento

 squadraitaliana mondiale2015

Nei giorni 18-19-20 e 21 giugno 2015 si  è svolto il Campionato del Mondo di Obedience 2015.

La location prescelta è stata quella dell'Oval Lingotto di Torino.

I concorrenti iscritti al Campionato erano 101 in rappresentanza di 21 nazioni.

La Giuria era così formata:

  • Kjelle Edstròm (Svezia)
  • Khristelle Nomine (Francia)
  • Palle Bergsøe (Danimarca)
  • Gianfranco Giraudi (Italia)

Come da programma nella giornata di giovedì 18 giugno si sono svolte le prove campo, al termine delle quali si è aperto ufficialmente il Campionato con: la cerimonia di apertura, la sfilata delle squadre e il discorso di benvenuto da parte del Presidente del Gruppo Cinofilo Torinese, Clemente Grosso.

Nelle successive giornate di venerdì e sabato la competizione ha determinato la classifica a squadre: calcolata sommando i migliori 3 risultati per ogni nazione. I migliori 20 binomi della classifica individuale, determinatasi nelle due giornate, hanno poi partecipato alla finale individuale nella giornata di domenica 21 giugno.

I binomi che hanno rappresentato l’Italia sono: Christian Asirelli con Paco, Silvia Cacciatore con Pepper, Anna Maria Cini con Erak, Lara Lombardi con Tofee, Doris Raffaelli con Trixi e Renate Tribus con Roy, dei sei cani partecipanti per l’Italia cinque sono border collie e uno è un pastore belga malinois (Erak).

 

Tra i conduttori, quattro di loro, Christian, Silvia, Anna Maria e Renate   non erano alla prima esperienza di un Campionato del Mondo mentre Doris e Lara hanno affrontato per la prima volta questo tipo di competizione.

Tutti loro hanno dimostrato grande spirito sportivo anche di fronte a difficoltà, senza mai perdere la concentrazione nello svolgimento della prova e prestando sempre grande attenzione al benessere del proprio cane.

Nella giornata di venerdì hanno gareggiato Anna Maria Cini, Lara Lombardi e Doris Raffaelli. Nella giornata di sabato hanno gareggiato Renate Tribus, Christian Asirelli e Silvia Cacciatore. I punteggi di Anna Maria, Christian e Silvia sono stati tenuti in considerazione per la classifica a squadre.

Silvia, conquistando il secondo posto di giornata, ha entusiasmato tutto il pubblico di appassionati italiani presenti. Silvia e Christian si sono qualificati tra i migliori venti accedendo alla finale individuale di domenica.

La classifica a squadre ha visto al primo posto La Finlandia, al secondo la Germania, al terzo la Norvegia. L’Italia si è piazzata al quinto posto dopo la Svezia.

La finale ci ha offerto diversi colpi di scena per come via via si componeva la classifica. Alcuni dei binomi storicamente molto forti hanno incontrato qualche difficoltà perdendo così le posizioni preminenti.

 

La classifica individuale definitiva ha determinato l’assegnazione del titolo di Campione del mondo a Miriam Sondergaard con il border collie Casey, rappresentanti della Danimarca, al secondo posto si è classificata Christa Enqvist-Pukkila con il border collie Tending Able Tiger, rappresentanti della Finlandia, e al terzo posto si è classificata Fedorova Galina con il border collie Wonder Westspacy, rappresentati della Russia.

La Giuria è stata impegnata in tre giorni di giudizi, impegno che ha svolto con costante professionalità.

L’evento è stato gestito dal Gruppo Cinofilo Torinese avvalendosi dei volontari aderenti ai club e associazioni della zona. Grande professionalità è stata dimostrata dai Commissari, dagli assistenti dei Giudici, dagli incaricati di segreteria per la gestione dei risultati e da tutti i volontari che si sono occupati dei tanti piccoli e grandi compiti.

Terminato questo Campionato del Mondo il pensiero va' già a quello del 2016 che verrà ospitato dalla Russia e si svolgerà a Mosca.

Maria Di Francesco

StampaEmail