Questo sito impiega Cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione oltre il seguente banner viene espresso il consenso al loro impiego.
Per ulteriori informazioni a riguardo e per negare il consenso all'utilizzo dei Cookie è possibile prendere visione della nostra Cookie Policy cliccando sul pulsante "Cookie policy".

logo obedience

  • Parallax

    obedience fotosfondo

Chiarimenti su esecuzione e giudizio degli esercizi nel nuovo regolamento

Questo è quanto è emerso dalla riunione internazionale dei giudici di obedience. Io e Maria Di Francesco siamo in attesa dei filmati dei vari esercizi, che saranno utilizzati sia per la formazione/aggiornamento dei commissari, sia per la riunione degli esperti giudici di obedience ENCI del 18 novembre p.v.

   Gianfranco Giraudi

Riunione dei giudici internazionali 10-11 ottobre 2015

Hemer (Germania)

Chiarimenti sul modo di condurre gli esercizi e giudicarli nel nuovo regolamento

Esercizi di gruppo (es. 3.1 -3.2)

Quando si danno i comandi da lontano è permesso l’uso del gesto (sempre con le solite modalità, cioè non più lungo del comando verbale).

Se alla fine dell’esercizio 3.1 il cane si alza in piedi (es. quando il conduttore torna) e poi serve il comando di seduto per poter iniziare l’es. 3.2, allora punteggio max 7.

 

Negli esempi mostrati (video di Carina-Savander Ranne) in campo ci sono due segni laterali per indicare la distanza di 10 m dai cani, dove devono fermarsi i conduttori al ritorna dal seduto fuori vista.

Gestione dell’esercizio da parte del commissario:

Passati i due minuti di assenza, il commissario fa rientrare in campo i conduttori e li fa arrestare appena rientrati in campo. Poi li fa avanzare fino a circa 10 m dai cani. A questo punto annuncia:

“L’esercizio 1 è terminato , inizia l’esercizio 2”. Quindi non c’è pausa tra fine dell’1 e l’inizio del 2.

A questo punto il commissario va dietro ai cani (circa un paio di metri) e, se ci sono uno o più cani non seduti, comanda di mettere i cani seduti, partendo da destra verso sinistra. Quindi, cominciando dal cane più a sinistra, comanda di mettere il cane a terra, uno alla volta.

Finito il periodo di 1 minuto (i conduttori restano in vista), il commissario indica ai conduttori di richiamare il cane (partendo da destra verso sinistra).

Il commissario non deve usare gesti, solo la voce. Deve anche aspettare che il cane abbia eseguito, cioè che il cane sia al piede del conduttore che l’ha chiamato. Anche per comandare il terra deve aspettare che il cane abbia eseguito.

 

Il cane che ha cambiato posizione dopo l’inizio dell’esercizio 2 non può essere corretto.

Il conduttore può scegliere di non fare il richiamo. In questo caso il giudice può decidere di far uscire cane+conduttore oppure di mettere il conduttore a fianco del cane e farli aspettare. La decisione del conduttore può essere presa prima dell’esercizio oppure all’ultimo momento(ad es. perché il cane si è mosso e spostato a fianco di un altro cane, col rischio che il cane che parte stimoli la predazione dell’altro). Naturalmente l’es. 2 è fallito (0 punti).

      Condotta

La condotta indietro viene valutata poco (max -1-2 punti). Anche se il cane si gira al contrario e cammina a fianco del conduttore (cioè va avanti nella nuova direzione) si può avere al massimo 8.

        Richiamo

Il nome del cane può essere usato insieme al comando di richiamo (sempre ben legati in modo da non sembrare due comandi distinti) in tutte le situazioni di richiamo. Quindi nel richiamo con fermate, non solo nel primo richiamo ma anche nei richiami dopo le fermate. Stessa cosa nel richiamo dal box e nel richiamo al piede dopo i fermi.

        Posizioni durante la marcia

Se il conduttore sbaglia direzione nelle svolte e si corregge subito da solo, perde molti

punti (generalmente 4) ma l’esercizio non è fallito.

Il commissario non corregge la direzione e se il conduttore continua l’esercizio nella direzione sbagliata l’esercizio è fallito.

Se il cane passa dal lato sbagliato del cono si sottraggono 3 punti.

       Box

Un cerchio completo sollevato (es. tubo di gomma) non è ammesso (è considerato un enorme target). Nel regolamento è ammessa la circonferenza completa, ma va considerata come una traccia molto leggere da usarsi ad es. su moquette. Come regola ci sono solo 8 piccoli segni (se sull’erba sono fatti con gesso o con lo spray non devono essere larghi e spessi). Naturalmente c‘è il problema di valutare se il cane è dentro al cerchio (tutte e quattro le zampe) oppure no (problema peraltro non diverso dalla situazione attuale). Si suggerisce ai giudici di non considerare il cane fuori se sembra avere solo una zampa fuori dal cerchio. Se invece è chiaramente fuori (es. metà corpo) allora il giudice lo considera fuori.

Ai mondiali ci saranno solo 8 piccoli segni (tipo quelli mostrati nella fotografia postata su facebook e riproposta qui).

E’ chiaramente responsabilità del conduttore decidere se riposizionare il cane in una situazione dubbia (se è in piedi può sempre essere riposizionato) oppure no, prima che il commissario abbia dato il comando di invio al box. Nel caso di riposizionamento (comando di direzione + comando di fermata) si suggerisce ai giudici di sottrarre solo 2 punti (e non 3, come di regola in questi casi).

Quando il cane è stato inviato al cerchio (ex cono) dopo circa 3 secondi dall’arresto il commissario dà il comando per l’invio al box, a prescindere che il cane sia nel cerchio o meno.

Il regolamento prevede che possa esserci un marcatore in centro. In questo caso il marcatore deve essere molto sottile. Se il cane usa il marcatore come target (mette giù il muso o tocca con la zampa) si sottrae 1 punto (come il cane che toccava il cono nell’invio per il direttivo o nel vecchio es. del box).

Se il conduttore ferma il cane in piedi nel box (avendolo comunicato prima) deve aspettare che la posizione sia stabile, prima di dare il comando di terra. L’interpretazione è che il conduttore debba aspettare circa 3 secondi dopo che il cane è ben fermo. Se comanda il terra troppo rapidamente si sottraggono 2 punti.

       Invio al cono, stop, riporto e salto (nuovo esercizio)

Il risultato del sorteggio della direzione è visto dal giudice e dal commissario.

Dopo l’invio a girare intorno al cono il conduttore ferma il cane (nella posizione precedentemente stabilita per tutti dal giudice per quella prova), ma sul terreno non sono segnati i due metri circa. L’importante è che il cane abbia svoltato nettamente e stia ritornando verso il conduttore (naturalmente deve essere fermato prima di raggiungere la linea dei riportelli, altrimenti l’esercizio non è superato). Durante le dimostrazioni in sala e relativi giudizi dell’esercizio, c’erano pareri discordanti sulla penalizzazione in caso di fermata ritardata (tipo 5 o più metri). Si consiglia quindi ai conduttori di evitare fermate troppo lunghe.

Dopo circa 3 secondi che il cane è fermo il commissario indica al conduttore la direzione che deve prendere il cane per raccogliere il riportello e saltare. Il commissario si posiziona circa all’altezza del conduttore, ma lateralmente in modo da non intralciare la messa al piede del cane. Può usare “destra” e “sinistra”, ma senza fare gesti, oppure “barriera aperta” o “barriera chiusa”, sempre senza fare gesti.

Questa fase non rappresenta un comando per continuare l’esercizio, se il conduttore manda il cane l’esercizio è fallito.

Quindi il commissario dice al conduttore di mandare il cane a riportare e a saltare (“comando”).

Come da regolamento:

   Se esegue un’altra posizione o se dopo la fermata il cane perde la posizione si sottraggono 2 punti.

Se lascia la posizione e va al riporto prima del comando l’esercizio è fallito.

Se il cane anticipa i comandi, si sottraggono 2-4 punti.

Richiesti chiarimenti su questo punto, la spiegazione è che si intende questo:

se il cane cambia posizione e resta sul posto (come in tutti gli altri casi) si sottraggono 2 punti. Se cambia posizione ma non sta fermo (es. saltella, fa mezzo passo avanti senza partire, …) si possono sottrarre fino a 4 punti.

Su richiesta di chiarimenti perché si possa usare il comando con le mani (braccio) oltre alla voce (e non la testa ad esempio), è stato accettato che si possa usare solo il movimento della testa, senza il braccio, ma che deve sempre esserci il comando vocale.

Naturalmente è sempre permesso girare anche la testa tutte le volte che si deve vedere dove va il cane prima di un comando successivo (es. nell’invio al box).

D       Discriminazione olfattiva e riporto

La posizione dell’oggetto del conduttore deve variare.

Se il cane passa sull’oggetto 1 volta e poi torna e raccoglie l’oggetto corretto, non perde punti. Se passa una seconda volta senza raccoglierlo si sottraggono 0,5 – 1 punto.

Se sposta gli oggetti con la bocca (senza afferrarli) si sottraggono 0,5 punti ogni volta.

Non c’è penalità se il cane raggiunge subito l’oggetto corretto e lo raccoglie senza controllare gli altri.

Come specificato nel regolamento, gli schemi riportati per la disposizione dei legnetti sono solo suggerimenti. Qualunque altra disposizione è accettata, l’importante è che lo schema sia identico per tutti i concorrenti.

Come indicato nel regolamento, vale la pena di ricordare (perché spesso dimenticato) che:

-      per le classi Predebuttanti, Debuttanti e 1, se il cane anticipa il comando del conduttore (negli esercizi di invio), dopo il comando del commissario, il cane può essere richiamato.

-      Se torna al piede l’esercizio può riprendere con il comando di invio del commissario, naturalmente con la penalizzazione prevista.

-      Se non torna l’esercizio è fallito.

Campionato del mondo 2016 (Mosca)

L’arena dove si svolgerà la competizione si trova a circa 18 km da Mosca, in un parco. La competizione sarà indoor, con fondo di sabbia/terra utilizzato per le competizioni con i cavalli.

Tutti gli hotel si trovano nello stesso parco, relativamente vicini. C’è un parcheggio a pagamento, ma costa poco.

L’aeroporto internazionale Domodedovo è a circa 20 km.

Per la partecipazione è richiesta la vaccinazione antirabbica nell’ultimo anno.

Manderanno la lista dei documenti necessari per entrare in Russia.

Iscrizioni dal 1 dicembre a marzo (31 ?).

Giudici dalle seguenti nazioni:
Russia, Finlandia, Latvia, Svizzera.

Novità importante:

          Le femmine in calore si alleneranno il giorno previsto per l’allenamento di tutti gli altri (giovedì), ma passeranno per ultime e dovranno avere le mutande. In questo modo non bisogna smontare e rimontare il campo il sabato.

Poi gareggeranno per ultime al sabato come al solito.

 

StampaEmail